MUSEI DIFFUSI AL II MUNICIPIO | Open House Roma

MUSEI DIFFUSI AL II MUNICIPIO

 

 

Dall'8 dicembre al 17 dicembre per la seconda edizione di  MUSEI DIFFUSI al II MUNICIPIO abbiamo organizzato 10 itinerari per conoscere questo territorio così ricco di storie ed edifici di pregio. Vi porteremo a scoprire i "misteri" dell'Arco Oscuro, un portale lungo Viale delle Belle Arti, ad ammirare le bizzarrie del quartiere Coppedé, a scoprire il quartiere Trieste oppure a stare fermi a Piazza Fiume facendo con lo sguardo un viaggio di secoli. Vi faremo scoprire l'anima più contemporanea del Municipio raccontata nel tour a San Lorenzo e nel tour "Il distretto del contemporaneo" lungo la direttrice Auditorium, Maxxi e Foro Italico, che in poche centinaia di metri racchiude opere architettoniche uniche. Infine vi faremo scoprire la bellezza di Villa Torlonia e della vicina Villa Alberoni concludendo con una vera e propria "caccia al tesoro" alla scoperta dei premi Nobel che hanno vissuto nel territorio. Promosso da Assessorato alle Politiche del Personale, al Decentramento, Partecipazione e Servizi al Territorio per la Città dei 15 Minuti. A cura di Municipio II. In collaborazione con Touring Club Italia e Associazione AMUSE. Tutti gli eventi sono gratuiti, ma necessitano della prenotazione.

 

VENERDI' 8 DICEMBRE ore 11

Passeggiata a San Lorenzo tra Santi, rivoluzioni e nuovi hipster

Piazze dell'immacolata di fronte alla Chiesa

PRENOTA QUI

De Gregori ci racconta, nella “sua” San Lorenzo, la notte del 19 luglio 1943 quando il quartiere fu scenario di uno dei bombardamenti più massicci che colpirono Roma. Il giovane cantautore Nebraska invece ci racconta una notte del 15 agosto nel XXI secolo, tra punkabbestia e universitari caotici. In questo tour sonoro cercheremo di capire come è cambiato San Lorenzo tra movida, impegno politico ed energie creative e lo faremo attraverso la musica, di ieri e di oggi, per immaginare il suono futuro del quartiere.

 

SABATO 9 DICEMBRE ore 11

Passeggiata dall'Arco Scuro a Monte Parioli

Piazzale di Villa Giulia 9

PRENOTA QUI

"...e so spariti in giù pe' l'Arco Scuro." Così termina uno dei sonetti di Cesare Pascarella che descrive l'episodio dei Fratelli Cairoli a Villa Glori. Ma cosa è questo Arco Scuro di cui il poeta parla? Parioli sono una vasta area collinosa a nord di Roma. Ma perchè solo una piccola zona, dietro Villa Balestra, si chiama "Monte Parioli"? Perché via dei Monti Parioli ha uno strano percorso a "U" che da Viale Bruno Buozzi, all'altezza di Piazza Don Minzoni, la riporta più in basso sulla stessa strada? A queste e a tante altre domande risponderemo durante l'inedita passaeggiata. A cura di Pietro Rossi Marcelli, APS AMUSE.

 

SABATO 9 DICEMBRE ore 14.30/15.30/16.30

Visita a Villa Alberoni - Luiss Guido Carli

Viale Pola 12

PRENOTA QUI

L’attuale Villa Alberoni costituisce, insieme a Villa Paganini, quel che oggi resta della grande proprietà del cardinale Giulio Alberoni. Nella parte più elevata del parco l’ingegnere Francesco Bruno realizzò, tra il 1924 e il 1929, l’attuale villino, avvalendosi della collaborazione dell’architetto Armando Brasini, il quale si occupò sia dell’imponente impianto decorativo “neobarocco” (presente all’interno e sulle facciate) che della sistemazione del parco in una sorta di ideale “dialogo” tra il Tinello, uno spettacolare ninfeo con statue, e il villino stesso. Visite a cura degli studenti Luiss.

 

DOMENICA 10 DICEMBRE ore 11

Tour il Quartiere Trieste

Piazza Verbano – spazio verde al centro 

PRENOTA QUI

Un percorso nel cuore del quartiere Trieste, sorto a partire dagli anni ’20 con la lottizzazione di Villa Lancellotti e dei terreni circostanti. L’area presenta una commistione di costruito e di verde e al suo interno possiamo esplorare un’interessante stratificazione: dalle prime catacombe sino a significativi esempi di edifici d’autore costruiti tra gli anni ’30 e gli anni ’60 da architetti quali Aschieri, Quaroni, Aymonino. A cura dell'Arch. Emma Tagliacollo.

 

DOMENICA 10 DICEMBRE ore 14.30

Passeggiata nel Quartiere Coppedè

Piazza Buenos Aires, davanti alla Chiesa

PRENOTA QUI

 Il Coppedè non è un vero e proprio quartiere ma un insieme di edifici progettato dall’architetto fiorentino Gino Coppedè. Si tratta di un insieme di linguaggi architettonici che danno vita a quello stile chiamato eclettismo. Il quartiere, rimasto incompiuto alla morte di Coppedè nel 1927, sarà completato dal suo collaboratore Paolo Emilio André. Il risultato sarà un conglomerato eterogeneo di costruzioni e stili diversi: palazzi, palazzine e villini dalle forme più varie sono decorati da stucchi, affreschi e mosaici ispirati alle più diverse culture e epoche storiche: liberty europeo, medioevo fiabesco e sognante, barocco esplosivo e esagerato, stile fantasy e mostruoso, atmosfera che ha ispirato numerosi registi che qui hanno girato scene dei loro film. Ci accoglierà un imponente arco d’ingresso da cui pende un enorme lampadario in ferro battuto; incontreremo il Palazzo degli Ambasciatori, i Villini delle Fate, il Palazzo del Ragno, la fontana delle Rane. Concluderemo la nostra passeggiata davanti ad uno dei Civici Giusti del quartiere. In collaborazione con Touring Club Italia.

 

VENERDI' 15 DICEMBRE ore 14.30

Passeggiata dei Premi Nobel

Via Antonio Bosio n. 13 - Casa Museo Pirandello

PRENOTA QUI

Il quartiere, nato fuori dalle Mura Aureliane ed istituito ufficialmente nel 1921, si è sviluppato soprattutto come zona residenziale, elegante, ricca di villini, caratteristici degli anni Venti e Trenta, realizzati da famosi architetti. Andremo quindi alla scoperta dei suoi più famosi abitanti, conosceremo le loro storie e racconteremo la nascita e lo sviluppo del quartiere. In collaborazione con Touring Club Italia.

 

SABATO 16 DICEMBRE ore 11

Tour nel Distretto del Contemporaneo 

Appuntamento Ponte della musica lato Foro Italico

PRENOTA QUI

In questa area, ricca di viali, spazi alberati, parchi e giardini, è infatti è presente un consistente nucleo di importanti opere di architettura realizzate sulle due sponde del Tevere sia nella prima metà del Novecento, sia dalla seconda metà del secolo ad oggi; tra le prime, il complesso del Foro Italico, il Ponte Duca d’Aosta, il Ponte Flaminio e il Palazzo della Farnesina; tra le seconde, il Villaggio Olimpico, il Palazzetto dello Sport, lo Stadio Flaminio, il Viadotto di corso Francia, la chiesa di San Valentino, il MAXXI e l’Auditorium Parco della Musica, fino alla Moschea e Centro Islamico Culturale, per citare solo le più importanti. A cura della Prof.ssa Rosalia Vittorini do.co.mo.mo. italia

 

SABATO 16 DICEMBRE ore 11

Visita teatrale a Palazzi Federici

Piazza Domenico Gnoli

PRENOTA QUI

I Palazzi Federici di Mario De Renzi rappresentano uno dei frammenti urbani moderni più interessanti che sono riusciti a farsi spazio nella città consolidata, assunti a unico scenario da Ettore Scola nel 1977 per “Una giornata particolare”. La visita, arricchita dalle letture di Sara Armentano, si conclude nello studio dell’artista Massimo Catalani. A cura dell'Arch. Federica Causarano.

 

DOMENICA 17 DICEMBRE ore 11

Passeggiata a Piazza Fiume e d’intorni

Piazza Fiume, sotto le mura, al parcheggio taxi

PRENOTA QUI

Siamo sull’antica Porta Salaria e questo luogo offre importanti tracce di episodi della storia millenaria della nostra città.  Qui, nel 410 d.C., entrarono i Visigoti di Alarico e iniziò il “Sacco di Roma”, uno dei momenti più traumatici della storia dell’Urbe). Qui vicino, il 20 settembre del 1870, dopo che l’artiglieria sabauda aveva aperto una breccia nelle possenti mura, la cosiddetta "Breccia di Porta Pia" si arrampicarono i Bersaglieri per entrare nella città eterna. A cura di Pietro Rossi Marcelli, APS AMUSE.

 

DOMENICA 17 DICEMBRE ore 11

Visita a Villa Torlonia 

Via Nomentana 70

PRENOTA QUI

Una passeggiata in una delle Ville storiche più belle di Roma. Residenza di campagna della famiglia Pamphilij agli inizi dell‘800 venne acquistata dai Torlonia che chiamarono il grande architetto Giuseppe Valadier a realizzare gli edifici principali. Nel ventennio sarà la residenza della famiglia Mussolini che fece costruire sotto il Casino Nobile un bunker antiareo. Il percorso terminerà nella bellissima Casina delle Civette un edifici unico nel suo genere che conserva delle bellissime vetrate su disegno di Duilio Cambellotti. A cura di Silvia Sciré

 

DOMENICA 17 DICEMBRE ore 14.30

Tour al Villaggio Olimpico

Piazza Grecia accanto al bar

PRENOTA QUI

Quartiere simbolo della modernità romana, il Villaggio Olimpico incarna appieno l’età d’oro della Roma postbellica, capitale della “Dolce vita” e di un paese in pieno “boom” economico. Un intervento realizzato in occasione dei XVII Giochi Olimpici da alcuni dei più importanti architetti italiani del ‘900: Adalberto Libera, Luigi Moretti e Pierluigi Nervi, autore del viadotto di Corso Francia. Un insediamento nel quale l’idea della città moderna viene coniugata con la rievocazione degli spazi della città storica, con edifici che in alcuni casi costituiscono delle sperimentazioni tipologiche di assoluto valore. I visitatori saranno accompagnati alla scoperta degli spazi e dei servizi di prossimità che nel tempo hanno completato il quartiere, ricostruendo la storia di pezzo significativo della Roma moderna e contemporanea. A cura dell’Arch. Federica Causarano.

Fai una donazione. Anche pochi euro ci aiuteranno a far crescere l’evento e promuovere una città aperta, condivisa, partecipata da tutti.

DONA 5€ DIVENTA SOSTENITORE